Vivaldi - La primavera (la danza finale)
Antonio Trovato
La Natura
Un rapido excursus.....
.... tra le cose della natura che ho studiato in quesi anni.
Rio Bo
Tre casettine
dai tetti aguzzi,
un verde praticello,
un esiguo ruscello: rio Bo,
un vigile cipresso.
Microscopico paese, è vero,
paese da nulla, ma però...
c'è sempre disopra una stella,
una grande, magnifica stella,
che a un dipresso...
occhieggia con la punta del cipresso
di rio Bo.
Una stella innamorata?
Chi sa
se nemmeno ce l'ha
una grande città.
Aldo Palazzeschi
Luogo di mistero, di ispirazione, di stimolo della fantasia, il mondo della natura ha sempre esercitato un grande fascino sull'animo umano e, in particolare su quello dei poeti.
Questa tesina è un invito ad ascoltare la voce dei poeti e, in un rapido excursus, a riflettere su quanto le cose della natura interferiscano con l'uomo.
La poesiola di Palazzeschi mi sembra un manifesto di come l'uomo, preso dal ritmo frenetico della vita, non percepisca quasi più le cose semplici della natura, ma belle per la loro intimità.
Anche il dipinto
Veduta dei Campi Flegrei dai Camaldoli di Jakob Philipp Hackert, il "nostro" vedutista del '700, sembra relegare l'uomo a un ruolo marginale nello sfondo del paesaggio e del sole al tramonto.

Benvenuti nella ..... mia tesina.
Copyright 2013 Antonio Trovato
Scuola Media Statale "Dante Alighieri"
Caserta - Italy
Website Themes by A. Trovato
Buon viaggio.
III D - a.s. 012/13
I Campi Flegrei dal Convento dei Camaldoli - 1793
Jakob Philipp Hackert (1737-1807)